Camera Penale di Lucca > News > Argomento: UCPI > Il vecchio che avanza

Il vecchio che avanza

pubblicata il 06/03/2014

Le prime indiscrezioni sulle iniziative politiche che il Governo ha in cantiere sui temi della giustizia dimostrerebbero un clamoroso arretramento di stampo inquisitorio: dalla compressione dell'appello alla strampalata idea di adottare il rito abbreviato come forma ordinaria di processo per reati meno gravi.

Che sia chiaro a tutti: se questi sono i progetti, i penalisti sono pronti a dare battaglia come negli anni '90.

Le iniziative politiche provenienti dagli ambienti governativi, dagli incontri del nuovo Ministro di Giustizia con magistrati in servizio presso le Procure in qualità di consulenti tutto fare, all’insistenza con la quale si ritorna sul problema della prescrizione, legandola a "tattiche dilatorie" dei difensori smentite dalle ricerche statistiche pubblicate da anni, per finire oggi con l'ipotesi di interventi sul sistema processuale, che si vorrebbero attuare non solo attraverso una compressione dell'appello ma persino a mezzo di una vera e propria abiura del principio costituzionale del contraddittorio trasformando il rito abbreviato nel rito ordinario, destano profonda preoccupazione ed allarme nell' avvocatura penale. Deve essere ben chiaro che un ritorno al passato - in nome di un decisionismo dal tratto illiberale che si vorrebbe emblema della modernità - cioè a quel rito inquisitorio che è sempre rimasto nel cuore di quella parte della magistratura che ha mal digerito l'articolo 111 della Costituzione come modificato ormai più di dieci anni fa, significherebbe andare incontro alla opposizione decisa dei penalisti italiani. Mentre si ignorano i risultati delle Commissioni ministeriali di studio insediate dal Ministro Cancellieri che, non più tardi di due mesi fa, avevano messo a punto una serie di proposte organiche e bilanciate attraverso il contributo responsabile di tutte le componenti del mondo giudiziario, soluzioni utili anche ad intervenire sulla durata dei processi, si preannunciano al contrario ricette indigeribili da parte di chi ha a cuore il Giusto Processo. La demagogia che sta alla base di alcune delle proposte che si ascoltano in questi giorni lascia comprendere come il vuoto in tema di Giustizia, che si era colto dalle indicazioni programmatiche del Presidente del Consiglio nei suoi discorsi di insediamento, nascondeva opzioni, culturali prima ancora che politiche, che segnerebbero una profonda involuzione del sistema ed un arretramento del diritto di difesa, che non è affare che riguarda gli avvocati, ma i cittadini tutti. Tutto ciò accade, peraltro, senza che in questi giorni si sia ascoltata una sola parola da parte degli esponenti governativi sullo scandalo delle disumane condizioni di detenzione nelle carceri italiane, su cui l'Europa ha chiesto conto oltre un anno fa. In questo panorama non stupisce che anche la legge in discussione in Parlamento sulla custodia cautelare rischi di trasformarsi nell'ennesima occasione mancata, grazie all'intervento di quei senatori del partito di maggioranza che non hanno smesso di sentirsi la longa manus delle Procure ed hanno depositato una serie di emendamenti che, come già avvenuto per il DL Cancellieri, finirebbero per svuotare di contenuto l'intervento. L'Unione delle Camere Penali Italiane non può che denunciare questi segnali e preannunciare la mobilitazione dell'avvocatura penale a difesa del Giusto Processo, così come avvenuto nel corso degli anni ‘90, visto che il nuovo si preannuncia identico al vecchio.

La Giunta

Roma, 3 marzo 2014

 

Leggi la notizia sul sito UCPI.

Lascia un commento:

Nome:*
Email:*
  L'indirizzo email servirà solo per moderare il commento e non sarà reso pubblico.
Commento:*

Inserire questi numeri Otto Nove Sette Sette in cifre qua sotto:
(Questo serve per non riempire di spam il sito e i commenti)
Nel rispetto della normativa sulla privacy, le informazioni inserite verranno trattate dalla Camera Penale di Lucca esclusivamente al fine di consentire il presente commento.





Argomenti News

Ricerca nelle News:

Ricerca nelle news inserendo una parola chiave


Archivio News:

Seleziona dall'elenco un anno ed un mese
per consultare l'archivio delle news.

Gennaio 2023
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31      
Utilità

Visualizzatore file PDF


Visualizzatore file Power Point